Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - foglie
Siete in:  Home /  Aree protette
 
 

Notizie

» Le aree protette del Trentino

Aree protette del Trentino, non solo Parchi

In Trentino oltre 1/3 del territorio è posto sotto tutela: dai grandi Parchi ai siti delle Dolomiti Patrimonio dell'Umanità, dalla Biosfera UNESCO alle 154 aree Natura 2000, molte delle quali con gestione coordinata dalle Reti di Riserve.

Tutto questo garantisce conservazione della biodiversità - ben 3724 sono le specie animali e vegetali censite - e qualità della vita, ma, sempre più spesso, le aree protette generano anche occasioni ed opportunità di sviluppo locale sostenibile.

 


Clicca per ingrandire la mappa delle aree protette del Trentino
 

» In evidenza

  • Pubblicate due deliberazioni della Giunta provinciale in adozione preliminare sulla Valutazione di incidenza

    La Giunta provinciale ha pubblicato in via preliminare due nuove schede di prevalutazione relative a manutenzione ordinaria strade e sorvolo con drone, in deposito fino al 12 luglio 2024 per eventuali osservazioni.

     
  • Inagibile il sentiero di visita della riserva naturale La Rocchetta

    Il sentiero di visita della riserva naturale provinciale La Rocchetta è attualmente inagibile in quanto sono in corso i lavori di rifacimento delle passerelle di visita. Il sentiero sarà ripristinato nel corso dell'estate 2024.
    Il biotopo si estende in un ambiente fluviale e perifluviale che interessa il tratto terminale del Torrente Noce, nella porzione più bassa della Valle di Non.

     
  • Attivata VINAT, la piattaforma che pubblica i dati procedimentali di VIncA

    Secondo quanto previsto dalle Linee guida nazionali, è stata predisposta una nuova piattaforma - denominata VINAT - dove è possibile consultare le pratiche in corso e quelle concluse relative alle valutazioni di incidenza per siti Natura 2000.

     
  • Al via il progetto LIFE NatConnect2030

    Parte il progetto Natural connections for Natura2000 in Northern Italy to 2030, finanziato nell'ambito del programma europeo Life, che coinvolge 16 partner nel territorio delle Regioni Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna e della Provincia autonoma di Trento. Mira a consolidare un sistema di gestione integrato della rete Natura 2000 per garantire il raggiungimento degli obiettivi di conservazione delle Direttive Habitat e Uccelli, attraverso l'attuazione di un insieme di azioni ritenute strategiche tra quelle individuate come prioritarie nei 5 PAF interessati.

     
  • Bruxelles: confermata la Cets ai Parchi Naturali Adamello Brenta e Paneveggio Pale di San Martino

    Un riconoscimento importante per tutto il Trentino ieri a Bruxelles, dove nel corso di una cerimonia al Parlamento Europeo, è stata riconfermata ai Parchi Naturali Adamello Brenta e Paneveggio Pale di San Martino la Carta europea per il turismo sostenibile, assegnata da Europarc, il più grande network europeo di aree protette, e promossa in Italia da Federparchi.

     
  • Progetto Cervo - Piano di conservazione e gestione del cervo nel Parco Nazionale dello Stelvio

    Il progetto nasce in base alla scelta gestionale di ridurre gli squilibri ecologici che le consistenti popolazioni di cervo arrecano agli ecosistemi (alla rinnovazione del bosco, alle altre specie) e limitare i danni causati alle attività umane di interesse economico.
    Per minimizzare questi squilibri, il Parco ha stabilito di ridurre il numero dei cervi tramite abbattimenti selettivi.

     
  • PIANO DEL PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO: adozione definitiva a seguito dell'intesa del Comitato provinciale di coordinamento e indirizzo

    E' stato adottato in via definitiva il piano del Parco Nazionale dello Stelvio con la dgp 1202/2023, dopo aver acquisito nei mesi scorsi l'intesa del Comitato provinciale di coordinamento e d'indirizzo. Si conclude così la fase di elaborazione e adozione del piano per passare alla valutazione del Ministero e quindi all'approvazione.

     

     
  • Approvato il "Piano di controllo del cervo nel Parco dello Stelvio 2022-2026"

    Via libera dalla Giunta provinciale al Piano di controllo del cervo per il settore trentino del Parco nazionale dello Stelvio. La decisione, su proposta del vicepresidente e assessore all'ambiente Mario Tonina, ha come obiettivo ricomporre gli squilibri ecologici - come previsto dalla legge quadro sulle aree protette - causati dai numerosi cervi presenti all’interno dei confini del Parco nazionale dello Stelvio-Trentino, in un arco di tempo di almeno 5 anni.