Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - acqua
Siete in:  Home /  Aree protette / I tre Parchi, preziosi scrigni di biodiversità
 
 

Notizie

  • 7.12.2017
    La Carta Europea del Turismo Sostenibile alle Reti di Riserve

    A Bruxelles, presso il Parlamento Europeo, alla presenza dell?assessore all?ambiente Mauro Gilmozzi, la Reti di Riserve del Trentino hanno ottenuto la Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS). La certificazione si aggiunge a quelle già ottenute dal Parco Naturale Adamello Brenta e dal Parco Paneveggio Pale di San Martino. Ottenere questa certificazione rientra anche negli obiettivi del Parco Nazionale dello Stelvio.

     
  • 30.11.2017
    Pubblicato il Report della Rete delle aree protette alpine

    Il 1° Report della Rete SAPA (Sistema delle aree protette alpine italiane) "Sviluppare il potenziale delle aree protette alpine" raccoglie gli esiti principali dell'ultimo biennio di attività del Tavolo SAPA in materia di monitoraggio della biodiversità, fornitura e valutazione dei servizi ecosistemici dei parchi alpini, attuazione della rete ecologica.

     
  • 1.11.2017
    Val di Tovel: valorizzazione sostenibile, perché lo sviluppo sia opportunità

    Mobilità, telefonia e manutenzione sono i punti salienti dell'accordo per la valorizzazione della Val di Tovel, un tesoro naturalistico unico e prezioso, che necessita di alcuni interventi mirati alla sua salvaguardia e riqualificazione e a far sì che la proposta culturale e ambientale del famoso "lago rosso" diventino un vero motore di sviluppo per il territorio e per tutto il Trentino.

     
  • 30.10.2017
    Le Reti di Riserve ottengono la Carta Europea del Turismo Sostenibile nelle Aree Protette

    Il Trentino è sempre più un territorio a turismo sostenibile. Dopo il Parco Naturale Adamello Brenta e il Parco Paneveggio Pale di San Martino, ora anche al sistema delle Reti di Riserve del Trentino è stata assegnata la Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS).

     
  • 27.10.2017
    Paneveggio Pale di San Martino: conservazione, conoscenza e sviluppo sostenibile

    Una storia di conservazione, conoscenza e sviluppo sostenibile, ma anche una storia che ha già cinquanta anni: è quella dei parchi naturali trentini. Una riflessione su questa storia, immaginando anche lo sviluppo futuro del parco, è stata offerta dal convegno che si è tenuto a Primiero il 27 ottobre.

     

I tre Parchi, preziosi scrigni di biodiversità

Cartina con aree parchi

 

I Parchi costituiscono senza dubbio una delle eccellenze ambientali del Trentino.
Sono protagonisti di progetti di conservazione (ad esemprio di stambecco e orso), impegnati nella ricerca scientifica e interpreti di un nuovo modo di fare educazione ambientale. Precursori della mobilità sostenibile, da anni offrono servizi di bus navetta per raggiungere i luoghi più suggestivi dell'area protetta; di recente l'offerta si è allargata anche ad altri mezzi come le biciclette elettriche.

I Parchi sono anche fortemente impegnati nello sviluppo sostenibile dei loro territori, con particolare attenzione alle attività turistiche.
Ai turisti che visitano i loro territori offrono:

  • CENTRI VISITATORI: piccoli musei naturalistici dove approfondire i vari temi
  • SENTIERI TEMATICI: itinerari di varia difficoltà per vivere direttamente sul territorio la grande biodiversità animale e vegetale, le peculiarità geologiche e scoprire il patrimonio culturale
  • ATTIVITA' GUIDATE: un ricco calendario di proposte di escursioni, laboratori, attività didattiche per adulti e bambini
  • PROPOSTE PER LE SCUOLE: da una vera e propria Scuola Faunistica a variegate offerte di educazione ambientale per le scuole di ogni ordine e grado

In Trentino sono presenti due parchi naturali provinciali e una porzione di parco nazionale: