Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - montagne
 

Notizie

  • 17.2.2020
    Flora dolomitica: un nuovo libro

    In occasione dei 10 anni di Dominiti UNESCO, è uscito il libro "Flora dolomitica - 50 fiori da conoscere nel Patrimonio UNESCO", di Alessio Bertolli, Filippo Prosser, Giulia Tomasi, Carlo, Argenti (Edizione Osiride). 

     
  • 31.1.2020
    I "Caschi verdi per l'UNESCO" in arrivo all'Adamello Brenta Geopark

    Saranno quattro gli esperti dell’Ispra che il Ministro Sergio Costa invierà all’Adamello Brenta Geopark nell’ambito del programma “Caschi verdi per l’UNESCO”, per supportare l'ente nella definizione di piani di gestione dei territori. 

     
  • 29.1.2020
    Marchio CETS Qualità Parco: premiate 26 strutture ricettive sostenibili

    Cerimonia di consegna del marchio “CETS - Qualità Parco” del Parco Naturale Adamello Brenta, alle strutture che rispondono a requisiti strutturali e gestionali volti alla sostenibilità. Prima della cerimonia, Mario Tonina ha incontrato i rappresentanti di Federparchi: un'occasione per fare il punto sulla partnership con la Provincia e per avviare le strategie future. Tutto il sistema delle aree protette trentine è oggi certificato CETS ed è pronto ad affrontare le fasi successive alla certificazione, che coinvolgeranno in prossimo futuro tanti altri operatori e intermediari turistici.

     
  • 25.1.2020
    La Rete di Riserve Val di Cembra si allarga

    Quattro nuovi Comuni - Cembra Lisignago, Lona Lases, Albiano e Valfloriana - entrano a far parte della Rete di Riserve Val di Cembra, aggiungendosi ai Comuni di Altavalle, Segonzano e Capriana. Si tratta di un'importante dimostrazione di una crescente sensibilità ambientale da parte degli enti locali e della cittadinanza e di una decisa volontà a lavorare in un'ottica sovra territoriale a favore dell'ambiente e delle comunità locali.

     
  • 20.12.2019
    Varate le "Linee guida" per gli eventi in montagna

    La Giunta provinciale ha adottato le linee guida per definire gli orientamenti da assumere, ai diversi livelli istituzionali, rispetto agli eventi che si svolgono nelle aree naturali. Il documento nasce in risposta alle sensibilità emerse nel corso degli Stati Generali della Montagna, da cui è scaturita una richiesta di individuazione di soluzioni di equilibrio tra esigenze turistiche e risorse ambientali, soluzioni che siano attente al benessere e alla qualità della vita di visitatori e comunità locali.

     
  • 18.12.2019
    Patascoss – Nambino, il primo sentiero completamente accessibile nel Parco Adamello Brenta

    L’incantevole anfiteatro naturale che circonda il Lago Nambino diventerà presto una meraviglia accessibile a tutti. E' stato approvato lo sbarrieramento del sentiero Patascoss-Nambino, idea lanciata due anni fa che trova ora un impegno formale da parte di un nutrito gruppo di enti locali.  

     

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

rr
Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è uno strumento voluto dall'Unione Europea per sostenere finanziariamente interventi in ambito agricolo, forestale e ambientale.
La Provincia Autonoma di Trento è parte attiva di questo progetto e il Servizio Sviluppo Sostenibile e Aree Protette è l'organismo delegato per la cura delle pratiche inerenti il settore ambientale. Gli interventi finanziabili riguardano la connettività ecologica, la salvaguardia della biodiversità, del paesaggio e la fruizione pubblica dei beni naturali.

 

 

BANDI 2019
qui tutte le informazioni, i termini per la presentazione delle domande e la documentazione
utile.

 

PSR 2014-2020: UN NUOVO RAPPORTO TRA AGRICOLTURA E AREE PROTETTE


Gli interventi resi possibili da queste misure saranno cofinanziati dal 42% dal Feasr-Fondo europeo agricoli di sviluppo rurale, al 39% dallo Stato italiano e al 17% dalla Provincia. Possono beneficiare dei contributi:

  • gli enti gestori delle aree protette
  • i comuni ed altri enti pubblici
  • le aziende agricole ed i conduttori dei fondi.

In particolare sono attivate le seguenti operazioni:

  • Operazione 4.4.3
    Riguarda investimenti non produttivi per la connettività ecologica e il recupero di habitat di Natura 2000 nonché di altri habitat agricoli di alto valore. I destinatari sono gestori del territorio quali gli enti gestori della rete Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve e altri gestori di aree protette, nonché Comuni e altri enti pubblici, agricoltori, proprietari o conduttori che aderiscono all'accordo agroambientale.

  • Operazione 7.1.1
    Riguarda il sostegno e l'aggiornamento dei Piani di gestione dei siti di Natura 2000 ed in particolare per le Reti di Riserve. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve e altri gestori di aree protette.

  • Operazione 7.5.1
    Finanzia investimenti destinati alla fruizione pubblica in infrastrutture ricreative e informazione turistiche. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve, altri gestori di aree protette, Comuni e altri enti pubblici.

  • Operazione 7.6.1
    Finanzia diverse tipologie di investimento finalizzate alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale. Più specificatamente prevede studi volti alla verifica dell'efficacia delle misure di conservazione attiva di habitat e specie di interesse comunitario, funzionali al presidio e alla tutela del territorio e azioni di sensibilizzazione ambientale. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle reti di riserve e altri gestori di aree protette, Comuni e altri enti pubblici.

  • Operazione 16.5.1
    L'obiettivo generale è quello di pianificare interventi territoriali su vaste aree di interesse naturalistico al fine di aumentare la connettività ecologica e la biodiversità coinvolgendo un ampio numero di soggetti.
    L'operazione finanzia la fase propedeutica e partecipativa nonché la realizzazione di progetti territoriali collettivi tesi all'adozione di pratiche gestionali a tutela della fauna e della flora e per la conservazione del paesaggio agricolo tradizionale. I beneficiari sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve, altri gestori delle aree protette, Comuni, Comunità di valle, altri enti pubblici, associazioni di produttori, consorzi di miglioramento fondiario e altri consorzi, fondazioni ed enti privati. I beneficiari devono riunirsi in una forma associativa di almeno due soggetti secondo le modalità previste dal bando.

 

 



BANDI 2019: qui tutte le informazioni, i termini per la presentazione delle domande e la documentazione utile.

Bandi 2018: archivio delle misure attivate nell'anno 2018

Bandi 2017: archivio delle misure attivate nell'anno 2017

Bandi 2016: archivio delle misure attivate nell'anno 2016


Struttura competente per le misure ambientali:
SERVIZIO SVILUPPO SOSTENIBILE E AREE PROTETTE
UFFICIO BIODIVERSITA' E RETE NATURA 2000


Contatti per informazioni di carattere generale:
Dott.ssa Valeria Fin 0461 496037 - valeria.fin@provincia.tn.it
Dott.ssa Claudia Conci 0461 497896 - claudia.conci@provincia.tn.it

 
Per saperne di più sul Programma in generale: