Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - rana
 

Notizie

  • 3.7.2018
    Una Conferenza internazionale in un Geoparco unico al mondo

    Il Parco Naturale Adamello Brenta UNESCO Global Geopark ospiterà, per la prima volta in Italia, l’8^ Conferenza Internazionale dei Geoparchi Mondiali UNESCO dall’8 al 14 settembre 2018 a Madonna di Campiglio. Geologi, tecnici, esperti del settore e tanti interessati, provenienti dai 140 geoparchi di tutto il mondo, in particolare Europa e Asia, hanno già confermato la loro presenza. Non sono difficili da immaginare l’atmosfera internazionale, il mix di culture, l’amore per la geologia, la natura e la cultura che avvolgeranno Campiglio e il Geoparco in quei giorni.

     
  • 12.6.2018
    Il Parco Adamello Brenta impegnato su tanti fronti

    Una primavera di grandi iniziative per il Parco Naturale Adamello Brenta: nuovi vantaggi per le strutture certificate Qualità Parco, un nuovo sito e nuova App con mappa digitale che consentiranno di ridurre del 50% il materiale cartaceo stampato, infine un calendario di ben 323 attività estive dal 1 giugno al 30 settembre, con proposte su tutto il territorio dell'area protetta ideate con vari partner. Tra le novità di quest'anno "In ricerca con il Parco" , un'esperienza in cui ci si calerà nei panni degli scienziati!

     
  • 7.6.2018
    Verso la nuova Rete di Riserve Fiume Brenta

    Importante passo avanti verso la «Rete di Riserve - Fiume Brenta».
    La giunta comunale di Pergine ha approvato il «Protocollo d'intesa», atto istitutivo della nuova «Rete di Riserve», recentemente sottoscritto tra Comunità Alta Valsugana e Bersntol (ente capofila), Comunità Valsugana e Tesino, Consorzio Bim del Brenta, e 12 comuni di Alta e Bassa Valsugana.

     
  • 25.5.2018
    Il Parco Nazionale dello Stelvio si candida alla Carta Europea per il Turismo Sostenibile

    Il percorso per valorizzare questa significativa area protetta è fatto di strategie a diversi livelli con il coinvolgimento di vari operatori, amministratori e abitanti. Con il coordinamento del servizio sviluppo sostenibile e aree protette, dopo l'azione "Il Parco che vorrei", ora la sfida, impegnativa, è la candidatura alla Carta Europea per il Turismo Sostenibile - CETS -. Uno strumento che aiuta a trovare la 'convergenza' fra gli operatori e l'area protetta e diventa il miglior metodo per realizzare un turismo autenticamente sostenibile.

     
  • 15.5.2018
    Il Parco Adamello Brenta rinnova la Carta Europea del Turismo Sostenibile

    18 sottoscrittori per un piano d'azione di 40 progetti che vale 4 milioni di euro. Questi, in sintesi, i numeri della strategia di sviluppo definita nella Carta Europea del Turismo sostenibile che il Parco Naturale Adamello Brenta e 17 partner hanno sottoscritto. I progetti sono suddivisi in due gruppi: l'Itinerario della Novità, 27 progetti nati durante questo percorso partecipato, e l'Itinerario della Continuità, 13 progetti che provengono dai precedenti Piani di Azione e che il Parco intende portare avanti.

     

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

rr
Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è uno strumento voluto dall'Unione Europea per sostenere finanziariamente interventi in ambito agricolo, forestale e ambientale.
La Provincia Autonoma di Trento è parte attiva di questo progetto e il Servizio Sviluppo Sostenibile e Aree Protette è l'organismo delegato per la cura delle pratiche inerenti il settore ambientale. Gli interventi finanziabili riguardano la connettività ecologica, la salvaguardia della biodiversità, del paesaggio e la fruizione pubblica dei beni naturali.

 

BANDI 2018: qui tutte le informazioni, i termini per la presentazione delle domande e la documentazione | utile.

 

PSR 2014-2020: UN NUOVO RAPPORTO TRA AGRICOLTURA E AREE PROTETTE


Gli interventi resi possibili da queste misure saranno cofinanziati dal 42% dal Feasr-Fondo europeo agricoli di sviluppo rurale, al 39% dallo Stato italiano e al 17% dalla Provincia. Possono beneficiare dei contributi:

  • gli enti gestori delle aree protette
  • i comuni ed altri enti pubblici
  • le aziende agricole ed i conduttori dei fondi.

In particolare sono attivate le seguenti operazioni:

  • Operazione 4.4.3
    Riguarda investimenti non produttivi per la connettività ecologica e il recupero di habitat di Natura 2000 nonché di altri habitat agricoli di alto valore. I destinatari sono gestori del territorio quali gli enti gestori della rete Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve e altri gestori di aree protette, nonché Comuni e altri enti pubblici, agricoltori, proprietari o conduttori che aderiscono all'accordo agroambientale.

  • Operazione 7.1.1
    Riguarda il sostegno e l'aggiornamento dei Piani di gestione dei siti di Natura 2000 ed in particolare per le Reti di Riserve. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve e altri gestori di aree protette.

  • Operazione 7.5.1
    Finanzia investimenti destinati alla fruizione pubblica in infrastrutture ricreative e informazione turistiche. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve, altri gestori di aree protette, Comuni e altri enti pubblici.

  • Operazione 7.6.1
    Finanzia diverse tipologie di investimento finalizzate alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale. Più specificatamente prevede studi volti alla verifica dell'efficacia delle misure di conservazione attiva di habitat e specie di interesse comunitario, funzionali al presidio e alla tutela del territorio e azioni di sensibilizzazione ambientale. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle reti di riserve e altri gestori di aree protette, Comuni e altri enti pubblici.

  • Operazione 16.5.1
    L'obiettivo generale è quello di pianificare interventi territoriali su vaste aree di interesse naturalistico al fine di aumentare la connettività ecologica e la biodiversità coinvolgendo un ampio numero di soggetti.
    L'operazione finanzia la fase propedeutica e partecipativa nonché la realizzazione di progetti territoriali collettivi tesi all'adozione di pratiche gestionali a tutela della fauna e della flora e per la conservazione del paesaggio agricolo tradizionale. I beneficiari sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve, altri gestori delle aree protette, Comuni, Comunità di valle, altri enti pubblici, associazioni di produttori, consorzi di miglioramento fondiario e altri consorzi, fondazioni ed enti privati. I beneficiari devono riunirsi in una forma associativa di almeno due soggetti secondo le modalità previste dal bando.

 

 



BANDI 2018: qui tutte le informazioni, i termini per la presentazione delle domande e la documentazione utile.

Bandi 2017: archivio delle misure attivate nell'anno 2017

Bandi 2016: archivio delle misure attivate nell'anno 2016


Struttura competente per le misure ambientali:
SERVIZIO SVILUPPO SOSTENIBILE E AREE PROTETTE
UFFICIO BIODIVERSITA' E RETE NATURA 2000


Contatti per informazioni di carattere generale:
Dott.ssa Valeria Fin 0461 496037 - valeria.fin@provincia.tn.it
Dott.ssa Claudia Conci 0461 497896 - claudia.conci@provincia.tn.it

 
Per saperne di più sul Programma in generale: