Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - montagne 2
 

Notizie

  • 26.8.2022
    Reti di riserve: via libera all'attuazione della riforma

    Via libera all'attuazione della riforma delle Reti di riserve, per semplificare le procedure di programmazione degli interventi a tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile che caratterizzano l'operato delle Reti. La convenzione novennale tra i Comuni e le Comunità interessate e la Provincia (ed altri soggetti, in determinati casi) rappresenterà lo strumento di governance generale della Rete.

     
  • 26.8.2022
    Santuario di San Romedio: l'impegno è di continuare il lavoro assieme

    Il percorso di candidatura all’iscrizione nel Patrimonio mondiale Unesco è impegnativo, complesso e non scontato, ma l'amministrazione provinciale sta seguendo con uguale attenzione tutte le istanze promosse dal territorio.

     
  • 5.8.2022
    Giornate dei ghiacciai: al via un ciclo di incontri

    La Cabina di regia delle aree protette e dei ghiacciai promuove una serie di incontri sul tema dei ghiacciai e degli ambienti alpini d’alta quota, partendo dalla loro vulnerabilità per passare agli aspetti geomorfologici, al tema della memoria dei ghiacciai e a quello che lasciano con la relativa storia.
    Gli incontri sono organizzati  dalla rete dei parchi del territorio provinciale in collaborazione con il Muse – Museo delle Scienze.

    Primo incontro a Peio il 13 settembre per parlare di impatto del cambiamento climatico.

     
  • 29.7.2022
    I Parchi protagonisti della "cronaca botanica"

    La Fondazione Museo Civico di Rovereto, che collabora strettamente con il Servizio Sviluppo sostenibile e aree protette e con i Parchi, e che con la sua sezione botanica ha raccolto in Trentino negli ultimi trent'anni più di 1 milione e 500 mila dati, organizza il 2 e 3 settembre prossimi, con il patrocinio della Società Botanica Italiana, un workshop al Museo di Scienze e Archeologia, sulla Cartografia floristica del Nord Italia. Le scoperte, le osservazioni, le ricerche che si susseguono permettono di costruire la storia della biodiversità del territorio, e consentono a chi ha responsabilità di gestione di pianificare eventualmente azioni per la tutela e la salvaguardia delle specie minacciate.  

     
  • 27.7.2022
    Parco Nazionale dello Stelvio: scoperta una pianta rarissima ritenuta estinta in Trentino

    Pochi giorni fa è stata scoperta nel Parco Nazionale dello Stelvio, in val di Rabbi, una pianta appartenente alla famiglia delle Ophioglossaceae: il botrichio ramoso. Questa piccola felce è una specie a distribuzione artico-alpina, minacciata dai cambiamenti nella gestione del territorio e dalle pratiche agricole. L´unico individuo rinvenuto nel Parco conferma la rarità del ritrovamento. La presenza della specie è nota solamente in altre due località del Trentino Alto Adige.

     
  • 8.7.2022
    "Benvenuti al parco": è partita su Rai RadioUno la trasmissione dedicata ai parchi naturali del Trentino

    In onda tutti i mercoledì fino alla fine di settembre alle 13.40, la trasmissione si articola in 13 puntate. Oltre ad affrontare ogni settimana un tema specifico, prevede alcune rubriche fisse, dedicate ad un itinerario di visita, alla presentazione degli appuntamenti della settimana, e alle reti di riserve.

     

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

rr
Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è uno strumento voluto dall'Unione Europea per sostenere finanziariamente interventi in ambito agricolo, forestale e ambientale.
La Provincia Autonoma di Trento è parte attiva di questo progetto e il Servizio Sviluppo Sostenibile e Aree Protette è l'organismo delegato per la cura delle pratiche inerenti il settore ambientale. Gli interventi finanziabili riguardano la connettività ecologica, la salvaguardia della biodiversità, del paesaggio e la fruizione pubblica dei beni naturali.

 

 

PSR 2014-2020: UN NUOVO RAPPORTO TRA AGRICOLTURA E AREE PROTETTE


Gli interventi resi possibili da queste misure saranno cofinanziati dal 42% dal Feasr-Fondo europeo agricoli di sviluppo rurale, al 39% dallo Stato italiano e al 17% dalla Provincia. Possono beneficiare dei contributi:

  • gli enti gestori delle aree protette
  • i comuni ed altri enti pubblici
  • le aziende agricole ed i conduttori dei fondi.

In particolare sono attivate le seguenti operazioni:

  • Operazione 4.4.3
    Riguarda investimenti non produttivi per la connettività ecologica e il recupero di habitat di Natura 2000 nonché di altri habitat agricoli di alto valore. I destinatari sono gestori del territorio quali gli enti gestori della rete Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve e altri gestori di aree protette, nonché Comuni e altri enti pubblici, agricoltori, proprietari o conduttori che aderiscono all'accordo agroambientale.

  • Operazione 7.1.1
    Riguarda il sostegno e l'aggiornamento dei Piani di gestione dei siti di Natura 2000 ed in particolare per le Reti di Riserve. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve e altri gestori di aree protette.

  • Operazione 7.5.1
    Finanzia investimenti destinati alla fruizione pubblica in infrastrutture ricreative e informazione turistiche. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve, altri gestori di aree protette, Comuni e altri enti pubblici.

  • Operazione 7.6.1
    Finanzia diverse tipologie di investimento finalizzate alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale. Più specificatamente prevede studi volti alla verifica dell'efficacia delle misure di conservazione attiva di habitat e specie di interesse comunitario, funzionali al presidio e alla tutela del territorio e azioni di sensibilizzazione ambientale. I beneficiari qui sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle reti di riserve e altri gestori di aree protette, Comuni e altri enti pubblici.

  • Operazione 16.5.1
    L'obiettivo generale è quello di pianificare interventi territoriali su vaste aree di interesse naturalistico al fine di aumentare la connettività ecologica e la biodiversità coinvolgendo un ampio numero di soggetti.
    L'operazione finanzia la fase propedeutica e partecipativa nonché la realizzazione di progetti territoriali collettivi tesi all'adozione di pratiche gestionali a tutela della fauna e della flora e per la conservazione del paesaggio agricolo tradizionale. I beneficiari sono enti di gestione di Natura 2000, enti capofila delle Reti di Riserve, altri gestori delle aree protette, Comuni, Comunità di valle, altri enti pubblici, associazioni di produttori, consorzi di miglioramento fondiario e altri consorzi, fondazioni ed enti privati. I beneficiari devono riunirsi in una forma associativa di almeno due soggetti secondo le modalità previste dal bando.

 

 



BANDI 2021/2022: qui tutte le informazioni, i termini per la presentazione delle domande e la documentazione utile.


Bandi 2020: archivio delle misure attivate nell'anno 2020

Bandi 2019: archivio delle misure attivate nell'anno 2019

Bandi 2018: archivio delle misure attivate nell'anno 2018

Bandi 2017: archivio delle misure attivate nell'anno 2017

Bandi 2016: archivio delle misure attivate nell'anno 2016


Struttura competente per le misure ambientali:
SERVIZIO SVILUPPO SOSTENIBILE E AREE PROTETTE
UFFICIO BIODIVERSITA' E RETE NATURA 2000


Contatti per informazioni di carattere generale:
Dott.ssa Valeria Fin 0461 496037 - valeria.fin@provincia.tn.it
Dott.ssa Claudia Conci 0461 497896 - claudia.conci@provincia.tn.it

 
Per saperne di più sul Programma in generale: