Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - montagne 2
Siete in:  Home /  Aree protette / Eventi
 
 

Notizie

  • 2.8.2021
    Monte Baldo, Trentino e Veneto pronti ad avviare un percorso per la candidatura Unesco

    Ne hanno discusso oggi per la prima volta a livello ufficiale a Malcesine, gli amministratori di Trentino e Veneto e dei 15 comuni presenti sull'area, nel corso di un seminario al quale è intervenuto il vice presidente Tonina, assieme all’assessore alla cultura della Regione Veneto Cristiano Corazzari.

     
  • 12.6.2021
    MobilitÓ sostenibile 2021: cosa cambia nel Parco Adamello Brenta

    È stato presentato stamani a malga Zeledria il Piano per la mobilità nelle valli del Parco Naturale Adamello Brenta per l’estate 2021. Si tratta naturalmente di un Piano all’insegna della mobilità sostenibile, messo a punto assieme all’ApT Madonna di Campiglio, che fa tesoro delle esperienze sviluppate negli anni scorsi, potenziandole ulteriormente. 

     
  • 5.6.2021
    San Romedio Patrimonio UNESCO: al via il percorso della candidatura

    Il santuario di San Romedio, in val di Non, Patrimonio mondiale dell’Umanità UNESCO: un sogno che potrebbe diventare realtà. Ieri l'apertura dell'iter della candidatura è stata ufficializzata nel corso di un incontro fra il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento Mario Tonina, assieme ai dirigenti Roberto Andreatta e Romano Stanchina, e i sindaci dei Comuni più direttamente interessati.

     
  • 4.5.2021
    Fondazione Dolomiti Unesco: Mara Nemela Ŕ la nuova direttrice

    Mara Nemela, già Coordinatore della Rete di Riserve Val di Fassa, è stata nominata nuova direttrice della Fondazione Dolomiti Unesco, al termine di una procedura di selezione a cui hanno partecipato oltre 40 candidati di alto profilo dall’Italia e dall’estero. 

     
  • 16.3.2021
    Valerio Zanotti Ŕ il nuovo Presidente del Parco Paneveggio Pale di San Martino

    Nella sua prima seduta, il nuovo Comitato di gestione del Parco, con una composizione più agile e ristretta in seguito alla recente revisione normativa, ha eletto Valerio Zanotti quale nuovo Presidente. Il Comitato di gestione ha nominato anche la nuova Giunta esecutiva, composta da Antonella Brunet, Davide Casadio, Paolo Secco, Alessandro Degiampietro (Vicepresidente). 

     
  • 12.3.2021
    Comitato di indirizzo del Parco dello Stelvio: il nuovo presidente Ŕ Alberto Pretti

    Si è riunito il 12 marzo il Comitato provinciale di coordinamento e di indirizzo del Parco, nominato nei giorni scorsi. Presieduto dall'assessore all’ambiente Mario Tonina, il Comitato ha eletto presidente il sindaco di Peio Alberto Pretti, e vicepresidente il sindaco di Rabbi Lorenzo Cicolini, già presidente uscente. A seguire è stato esaminato il programma degli interventi previsti per il prossimo futuro. 

     

Magica stagione, l'autunno!

I tre parchi del Trentino, ma anche molte Reti di Riserve, offrono ai visitatori interessanti percorsi tematici. Si tratta di sentieri che raccontano a chi li percorre - attraverso una serie di pannelli informativi ed altri allestimenti didattici - gli aspetti naturalistici, ambientali, culturali e storici dei luoghi. 
Molti di questi itinerari sono particolarmente suggestivi nella stagione autunnale: di seguito la nostra selezione.

 

 

La Scalinata dei larici monumentali

Tra i 12 itinerari tematici nel Parco Nazionale dello Stelvio - tra i quali ricordiamo in Val di Peio il Percorso dei Ghiacciai e quello dedicato alla botanica, in Val di Rabbi il Percorso dei Laghi Sternai, quello delle Segherie e il Sentiero del latte e dei masi - nella stagione autunnale è particolarmente suggestiva la Scalinata dei larici monumentali.
Siamo in Val di Saènt, la parte alta della Val di Rabbi che si addentra tra le alte cime del gruppo montuoso Ortles-Cevedale. Superate le incantevoli cascate, si raggiunge l'alpeggio di Malga Pra' di Saènt, dove il rumore dell’acqua lascia il posto ai fischi di allarme delle marmotte. Qui inizia il percorso tematico: 700 scalini in pietra che portano alla scoperta di 23 giganteschi e spettacolari larici plurisecolari. Cresciuti ad una quota di circa 2000 metri di altitudine su un terreno impervio ed esposto all'azione degli agenti atmosferici, gli alberi hanno assunto nei secoli - fino a 5 per i più vecchi - curiose e inaspettate forme. Ognuno ha una "storia" ed un nome, raccontati nei pannelli tematici posti lungo il sentiero.
La Scalinata dei larici monumentali è affascinante soprattutto nel periodo autunnale, quando il colore delle chiome si accende di vivaci colori e, tra metà settembre e metà ottobre, risuonano i bramiti dei cervi in amore.

 

In Val Canali fra le “Muse Fedaie”

Nei prati e nei boschi che circondano Villa Welsperg, la “Casa” del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, un percorso racconta la biodiversità della Val Canali. Pianeggiante e lungo 3,5 chilometri in due anelli distinti, esso attraversa luoghi di grande pregio ambientale e paesaggistico, con una ricchissima varietà vegetazionale.
Il percorso invita a riflettere sulla biodiversità, intesa sia come ricchezza di specie, sia come ricchezza di razze allevate e varietà coltivate, sia infine come ricchezza di paesaggi.
Per aiutare il visitatore in questa riflessione, lungo il percorso sono posizionate delle aree di sosta, dette "Legni", ove fermarsi e trovare informazioni e spunti, unificati dall'elemento simbolico costituito dalla mitologia greca, la cui base culturale è la grandiosa e misteriosa complessità della natura rapportata alla coscienza umana.
Da qui il nome del percorso, che fa riferimento alle mitologiche Muse in quanto entità connesse agli elementi naturali e culturali ed alle Fede, le pecore in dialetto locale, che tradizionalmente venivano allevate nei prati della Val Canali.
La musa Artemide guida nel mondo dei cavalli e in particolare nell’allevamento del cavallo di razza norica, Talìa invita a conoscere le mille erbe dei prati, Gea mostra la varietà delle terre che troppo spesso calpestiamo distrattamente, Galatea è la guida per comprendere il processo di domesticazione delle pecore, le Najadi guidano alla scoperta della vita straordinaria delle acque “minori” che sgorgano nei prati torbosi di Villa Welsperg e scorrono nel limpido corso del Rio Brentella, che dà origine al Laghetto Welsperg, icona di questa splendida valle dolomitica.

 

"Un sentiero per tutti” a Malga Nudole

Aromi, superfici, rumori, profumi, colori… a volte non sappiamo percepire tutte le sensazioni che la natura ci offre! Proprio per abbattere questa barriera sensoriale, nel Parco Naturale Adamello Brenta un percorso ad anello nella piana di Malga Nudole, in Val di Daone, esalta la semplicità degli elementi naturali e dona emozioni a chi lo percorre.
Il sentiero è stato realizzato secondo i nuovi criteri in tema di accessibilità ed è adatto anche a persone non vedenti o con problemi di mobilità. La pavimentazione è liscia, oltreché eco-sostenibile, il tracciato è delineato da tronchi che fungono da batti-bastone e da corde sospese per facilitare l’orientamento ai non vedenti. Le informazioni didattico-naturalistiche sono tradotte in alfabeto Braille e le immagini fotografiche hanno particolari in rilievo, per essere percettibili al tatto.
Il percorso è un invito per tutti a percepire il profumo delle erbe aromatiche, la ruvidità delle cortecce, l’età degli alberi abbracciando un tronco, la forma delle foglie, l’umidità dei muschi, ma anche il fragore della sorgente, le mucche al pascolo, il refrigerio dell’acqua di scioglimento del ghiacciaio, la morbidezza dell'erba, la frescura dei massi granitici…