Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - montagne 2
 

Notizie

  • 17.2.2020
    Flora dolomitica: un nuovo libro

    In occasione dei 10 anni di Dominiti UNESCO, è uscito il libro "Flora dolomitica - 50 fiori da conoscere nel Patrimonio UNESCO", di Alessio Bertolli, Filippo Prosser, Giulia Tomasi, Carlo, Argenti (Edizione Osiride). 

     
  • 13.2.2020
    Il capitale naturale: patrimonio comune

    Il mondo della natura e della biodiversità saranno al centro di alcune iniziative gratuite organizzate dalla Fondazione Franco Demarchi a Trento, fino al 21 febbraio. In particolare la mostra “Biodiversità”, curata dall'Ufficio Biotopi e Rete Natura 2000 in collaborazione con l'Ufficio per le Produzioni Biologiche della Pat, pone l'attenzione sull'importanza e la preservazione della diversità biologica delle specie viventi. 

     
  • 31.1.2020
    I "Caschi verdi per l'UNESCO" in arrivo all'Adamello Brenta Geopark

    Saranno quattro gli esperti dell’Ispra che il Ministro Sergio Costa invierà all’Adamello Brenta Geopark nell’ambito del programma “Caschi verdi per l’UNESCO”, per supportare l'ente nella definizione di piani di gestione dei territori. 

     
  • 29.1.2020
    Marchio CETS Qualità Parco: premiate 26 strutture ricettive sostenibili

    Cerimonia di consegna del marchio “CETS - Qualità Parco” del Parco Naturale Adamello Brenta, alle strutture che rispondono a requisiti strutturali e gestionali volti alla sostenibilità. Prima della cerimonia, Mario Tonina ha incontrato i rappresentanti di Federparchi: un'occasione per fare il punto sulla partnership con la Provincia e per avviare le strategie future. Tutto il sistema delle aree protette trentine è oggi certificato CETS ed è pronto ad affrontare le fasi successive alla certificazione, che coinvolgeranno in prossimo futuro tanti altri operatori e intermediari turistici.

     
  • 25.1.2020
    La Rete di Riserve Val di Cembra si allarga

    Quattro nuovi Comuni - Cembra Lisignago, Lona Lases, Albiano e Valfloriana - entrano a far parte della Rete di Riserve Val di Cembra, aggiungendosi ai Comuni di Altavalle, Segonzano e Capriana. Si tratta di un'importante dimostrazione di una crescente sensibilità ambientale da parte degli enti locali e della cittadinanza e di una decisa volontà a lavorare in un'ottica sovra territoriale a favore dell'ambiente e delle comunità locali.

     
  • 20.12.2019
    Varate le "Linee guida" per gli eventi in montagna

    La Giunta provinciale ha adottato le linee guida per definire gli orientamenti da assumere, ai diversi livelli istituzionali, rispetto agli eventi che si svolgono nelle aree naturali. Il documento nasce in risposta alle sensibilità emerse nel corso degli Stati Generali della Montagna, da cui è scaturita una richiesta di individuazione di soluzioni di equilibrio tra esigenze turistiche e risorse ambientali, soluzioni che siano attente al benessere e alla qualità della vita di visitatori e comunità locali.

     

Le sfide delle aree protette trentine

Nell'ambito della Borsa Internazionale del Turismo Montano, che si tiene a Trento-Rovetero dal 16 al 18 settembre 2016, le aree protette raccontano le loro sfide per i prossimi anni, che vertono in modo significativo su nuove proposte di mobilità.

Parchi e Reti di Riserve sono chiamati direttamente in causa dal tema di questa edizione dell'evento, da anni interessante opportunità per riflettere sul turismo nelle aree di montagna. Il focus del 2016 è infatti su turismo giovanile, natura e vacanze responsabili.

Le aree protette da sempre affrontano con attenzione gli impatti del turismo e cercano di favorire esperienze di turismo responsabile, inteso come modalità di vivere la vacanza nel rispetto della natura. In questa prospettiva Parchi e Reti di Riserve del Trentino possono rappresentare una vera officina, un laboratorio capace di reinventare modalità di vivere la montagna e gli spazi che essa offre.

Nel programma di forum e seminari della BITM, due sono gli appuntamenti in cui le aree protette raccontano in prima persona le loro esperienze:

  • il Parco Adamello Brenta con Matteo Viviani porta la sua esperienza sulla mobilità sostenibile nell'ambito del seminario di sabato 17 settembre (Urban Centre di Rovereto, ore 9-12.30). I progetti di mobilità ideati e promossi dal Parco sono stati inseriti, quali esempi di buone pratiche, nel rapporto sulla mobilità sostenibile nell’Arco alpino redatto da Alparc (Rete delle aree protette alpine). Con ben 10 linee di trasporto pubblico dedicato (dai bus ai trenini) che percorrono in un'estate oltre 80.000 km complessivi, il Parco trasporta 238.000 persone in luoghi fragili dal punto di vista ambientale. Questo contribuisce a salvaguardarne la naturalità e giustifica il costo di oltre 300.000 Euro sostenuto dal Parco e dalle pubbliche amministrazioni.
  • Alessandro Bazzanella di tsm partecipa al convegno "Progettare lo spazio turistico" (venerdì 16 settembre, Sala De Gasperi del Consorzio dei Comuni Trentini, ore 14.30-19) raccontando l'esperienza di TurNat - la strategia di sviluppo turistico sostenibile nelle aree protette del Trentino - con un intervento dal titolo "Sostenibilità, partecipazione, reti: il turismo nelle aree protette del Trentino".
 
PER SAPERNE DI PIU'