Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - montagne
 

Notizie

  • 4.4.2019
    Approvato il Piano della ricerca scientifica del Parco Adamello Brenta

    Una lunga lista di progetti per riportare il Parco ad essere unĺeccellenza anche nel settore della ricerca.

     
  • 22.3.2019
    Il progetto Life-TEN selezionato per il premio europeo LIFE Award 2019

    Coordinato dal Servizio sviluppo sostenibile e aree protette in partnership con il MUSE, il progetto selezionato per il premio europeo LIFE Award Ŕ stato sviluppato dal 2012 con l'obiettivo di programmare la gestione ed il ripristino a lungo termine della Rete Natura 2000 di competenza della Provincia. Il premio LIFE Award ricosce i progetti LIFE pi¨ innovativi, ispiratori ed efficaci nei settori della protezione della natura, dellĺambiente e dellĺazione per il clima. I vincitori saranno annunciati il 16 maggio 2019 a Brussels.

     
  • 5.3.2019
    Convenzione per la gestione della biodiversitÓ al Parco dello Stelvio

    Firmata a Milano la Convenzione quadro tra Trentino, Alto Adige e Lombardia relativa al monitoraggio, alla conservazione e alla gestione delle risorse naturali e della biodiversitÓ nel Parco Nazionale.

     
  • 5.3.2019
    Parco Stelvio verso un turismo pi¨ sostenibile

    Dopo tutte le altre aree protette trentine, anche il Parco Nazionale dello Stelvio si candida alla Carta Europea del Turismo Sostenibile. Al termine di un percorso partecipato sui tre settori, Ŕ stata presentata la candidatura: 60 azioni da attuare nei prossimi 5 anni, per un valore complessivo di 5 milioni di euro. Qui tutte le azioni in dettaglio.

     
  • 27.2.2019
    Adamello Brenta: sý all'ampliamento dei confini in Val di Breguzzo

    Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta ha approvato in via preliminare la Variante 2018 al Piano di Parco, che prevede l'ampliamento dei confini dell'area protetta di 534 ettari in Val di Breguzzo. La richiesta di ampliamento era stata avanzata dal comune di Sella Giudicarie, con le motivazioni di continuitÓ territoriale e coerenza con le finalitÓ del Parco.

     

Aegolius funereus

Civetta capogrosso - ph Claudio Chini

Nome comune

Civetta capogrosso

Classe

Aves

Ordine

Strigiformes

Famiglia

Strigidae

Allegati Direttiva

Uccelli - All. I

Descrizione

Assomiglia alla Civetta dalla quale si distingue per le dimensioni maggiori, il capo pi¨ arrotondato e i dischi facciali pi¨ profondi.╚ strettamente notturna mentre la Civetta e la Civetta nana si incontrano spesso anche di giorno. ╚ inoltre distinguibile dall'Allocco per l'iride di colore giallo anzichÚ nero. Si ciba di micromammiferi come topi campagnoli, arvicole, moscardini, talvolta di piccoli uccelli. ╚ una specie parzialmente sedentaria diffusa nell'Europa centrale e nord orientale. In Italia si trova solo nelle Alpi, la presenza Ŕ omogenea in quelle orientali e pi¨ scarsa nelle occidentali.

Fenologia sul territorio provinciale

╚ specie sedentaria.

 
habitat

Habitat

Vive nei boschi maturi di conifere, puri oppure misti a Faggio, da circa 1000 a 1900 m s.l.m, localmente in boschi misti maturi da 1000 a 1900 m s.l.m. A volte scende nelle valli per svernare. Nidifica nei nidi dei Picchi (soprattutto Picchio nero) o in cavitÓ naturali degli alberi.

 
SIC/ZPS in cui compare:
Classificazione animale: Uccelli