Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - montagne
 

Notizie

  • 3.12.2019
    A Bruxelles per ritirare la CETS del Parco dello Stelvio

    Tra le 34 aree protette italiane certificate come destinazioni turistiche sostenibili, 110 in totale in Europa, da oggi c'è anche il Parco nazionale dello Stelvio. Ieri a Bruxelles, presso il Comitato Europeo delle Regioni, la cerimonia di consegna al Parco della Carta Europea del Turismo Sostenibile nelle Aree Protette. Questo importante riconoscimento di Europarc Federation attesta il processo partecipativo di un Parco con gli operatori turistici con l’obiettivo di diventare destinazioni turistiche sostenibili.

     
  • 25.10.2019
    Trentino Pedala, il cicloconcorso che premia le persone, la salute, l'ambiente

    La quarta edizione del cicloconcorso Trentino Pedala si è conclusa al MuSe con la cerimonia che ha premiato in tutto 45 persone. Il dirigente Stanchina ha sottolineato come "il cicloconcorso è ricco di significati per tutta la parte centrale delle Alpi. E' una delle tante azioni che facciamo sulla sostenibilità lavorando sui comportamenti umani"

     
  • 19.10.2019
    La CETS al Parco dello Stelvio: riconoscimento europeo per il turismo sostenibile

    Nuovo grande riconoscimento sotto il profilo dell’impegno sui temi dello sviluppo sostenibile: l’assegnazione della CETS, la Carta Europea del Turismo Sostenibile al Parco Nazionale dello Stelvio. Con soddisfazione l'assessore Mario Tonina commenta che " il riconoscimento della CETS completa una strategia di sistema e conferma la serietà dell’impegno del Trentino sul fronte della sostenibilità dello sviluppo turistico. 

     
  • 28.9.2019
    444.000 euro per difendere la biodiversità degli habitat locali

    Il Piano di sviluppo rurale 2014-2020 della Provincia di Trento finanzia quest’anno quindici progetti volti a migliorare la biodiversità dei paesaggi agricoli tradizionali e ripristinare habitat per specie di flora e fauna; tre iniziative riguardano progetti collettivi a finalità ambientale.

     
  • 24.9.2019
    Un convegno per celebrare i 100 anni dei due parchi naturali

    I Parchi Naturali Adamello Brenta e Paneveggio Pale di San Martino festeggiano cento anni di storia. Un traguardo che hanno deciso di onorare con un convegno pubblico, organizzato per il 25 settembre alla Casa della SAT a Trento. L’intenzione è quella di guardarsi alle spalle ma di anche provare a tratteggiare il futuro di un tema che sta salendo sempre più alla ribalta: la difesa dell’ambiente.

     
  • 2.8.2019
    Il Parco Adamello Brenta lancia la campagna "plastic free"

    Un’azione di sensibilizzazione ed educazione, allargata e condotta a braccetto con le Amministrazioni pubbliche del territorio per ridurre i rifiuti plastici

     

Progetto Necton

logo Life

Dopo il progetto NIBBIO l’Ufficio Biotopi della Provincia Autonoma di Trento ha presentato all’Unione Europea un nuovo progetto di riqualificiazione ambientale, riferito al biotopo La Rocchetta, in Val di Non. Il progetto, denominato “N.EC.TO.N.” (= Nuovi Ecosistemi sul Torrente Noce), è stato approvato e ammesso al finanziamento comunitario LIFE. Gli interventi di riqualificazione, iniziati nel 1998, si sono conclusi nel 2000.

Il progetto “N.EC.TO.N.” aveva la finalità generale di realizzare un piccolo parco fluviale, tramite il conseguimento di quattro obiettivi specifici.

Il primo obiettivo prevedeva di aumentare la diversità ambientale del biotopo, cioè la varietà degli ambienti, creando nuovi ambienti umidi e “rinaturalizzando” le aree golenali occupate da prati e coltivi.

Il secondo obiettivo era la ricostituzione del bosco ripariale igrofilo di salici e ontani nelle aree dove questo era stato rimosso per far posto ai prati, in modo da aumentare la superficie occupata da questa preziosa tipologia ambientale, particolarmente minacciata in tutta Europa.

Il terzo obiettivo era migliorare lo stato della qualità delle acque del torrente Noce e dei corsi d’acqua minori compresi nel biotopo.

Il quarto obbiettivo era di tipo didattico e prevedeva di attrezzare una porzione del biotopo per renderlo accessibile da parte del pubblico, in modo da valorizzarlo nell’ambito dell’educazione ambientale.