Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - montagne 2
 

Notizie

  • 4.4.2019
    Approvato il Piano della ricerca scientifica del Parco Adamello Brenta

    Una lunga lista di progetti per riportare il Parco ad essere un’eccellenza anche nel settore della ricerca.

     
  • 22.3.2019
    Il progetto Life-TEN selezionato per il premio europeo LIFE Award 2019

    Coordinato dal Servizio sviluppo sostenibile e aree protette in partnership con il MUSE, il progetto selezionato per il premio europeo LIFE Award è stato sviluppato dal 2012 con l'obiettivo di programmare la gestione ed il ripristino a lungo termine della Rete Natura 2000 di competenza della Provincia. Il premio LIFE Award ricosce i progetti LIFE più innovativi, ispiratori ed efficaci nei settori della protezione della natura, dell’ambiente e dell’azione per il clima. I vincitori saranno annunciati il 16 maggio 2019 a Brussels.

     
  • 5.3.2019
    Convenzione per la gestione della biodiversità al Parco dello Stelvio

    Firmata a Milano la Convenzione quadro tra Trentino, Alto Adige e Lombardia relativa al monitoraggio, alla conservazione e alla gestione delle risorse naturali e della biodiversità nel Parco Nazionale.

     
  • 5.3.2019
    Parco Stelvio verso un turismo più sostenibile

    Dopo tutte le altre aree protette trentine, anche il Parco Nazionale dello Stelvio si candida alla Carta Europea del Turismo Sostenibile. Al termine di un percorso partecipato sui tre settori, è stata presentata la candidatura: 60 azioni da attuare nei prossimi 5 anni, per un valore complessivo di 5 milioni di euro. Qui tutte le azioni in dettaglio.

     
  • 27.2.2019
    Adamello Brenta: sì all'ampliamento dei confini in Val di Breguzzo

    Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta ha approvato in via preliminare la Variante 2018 al Piano di Parco, che prevede l'ampliamento dei confini dell'area protetta di 534 ettari in Val di Breguzzo. La richiesta di ampliamento era stata avanzata dal comune di Sella Giudicarie, con le motivazioni di continuità territoriale e coerenza con le finalità del Parco.

     

L'iter della candidatura

La candidatura ha richiesto un iter molto complesso, qui sintetizzato. Si possono anche scaricare i Dossier elaborati per la presentazione della candidatura.

 

Prima fase: presentazione della candidatura (settembre 2013)

Il 26 settembre 2013 è stato consegnato al Comitato Tecnico Nazionale MaB il dossier di candidatura al programma MAB (Man and Biosphere - Uomo e Biosfera) dell'UNESCO del territorio che comprende le "Alpi Ledrensi e Judicaria - dalle Dolomiti al Garda".
L'area proposta, nella quale complessivamente risiedono circa 15.000 abitanti, racchiude in meno di 30 chilometri in linea d'aria oltre 3100 metri di dislivello (dai 63 mslm del Lago di Garda ai 3173 mslm della Cima Tosa), su una superficie di circa 47.000 ha.
La posizione di mezzo tra l'ambiente alpino e quello mediterraneo ha caratterizzato fin dall'antichità la zona come luogo di passaggio e di scambio attraverso le Alpi per le popolazioni (ne sono testimonianza i siti palafitticoli di Ledro e Fiavé), le specie animali e quelle vegetali, creando un sistema complesso ed integrato, in cui uomo e natura fanno parte di un unico equilibrio.
All'interno di questo sistema la presenza attiva dell'uomo si configura come base per lo sviluppo e il mantenimento del paesaggio naturale e culturale. La chiave di lettura del modello della Riserva della Biosfera risiede infatti nella sostenibilità dello sviluppo di un territorio alpino, fragile e delicato, ma ricco di contatti uomo-biosfera che hanno prodotto nei secoli paesaggi di grande valore eco-sistemico e socio-economico con riflessi sull'identità e sull'organizzazione sociale.
La proposta di candidatura, nata in seno all'Associazione Pro Ecomuseo della Judicaria, è stata dunque depositata per offrire una maggiore visibilità e sviluppo del territorio, senza tuttavia minimamente intaccarlo nella sua specifica identità. La candidatura infatti non deve essere letta come un semplice riconoscimento, come uno strumento di tutela e di nuovi vincoli, bensì come un'opportunità di entrare in una rete mondiale come quella delle Riserve della Biosfera UNESCO, all'interno della quale sperimentare nuovi modelli di sviluppo sostenibile e di crescita socio-culturale.

Seconda fase: la risposta di UNESCO (giugno 2014)

La risposta di UNESCO è arrivata in occasione della 26° sessione di lavoro del programma MaB del 10 -13 giugno 2014 tenutasi a Jönköping in Svezia. In seguito ad un lavoro di analisi della candidatura da parte di esperti internazionali, il Consiglio Internazionale di Coordinamento (ICC) del Programma MaB UNESCO ha comunicato il differimento della candidatura, confermando la validità della stessa, ma chiedendo alcuni approfondimenti in merito:
- a quanto successo in val di Ledro riguardo la petizione contro la candidatura del territorio a Riserva della Biosfera. La petizione, lanciata verso fine agosto 2013, è stata promossa e sostenuta dai cacciatori locali per opporsi al coinvolgimento del Comune di Ledro nella Riserva Unesco, ed ha raccolto 1.839 adesioni su un totale di 5.500 abitanti;
- al modello di governance della proposta Riserva della Biosfera vista la complessità del modello proposto, che esclude la creazione di un nuovo Ente apposito favorendo la sottoscrizione di un Accordo di Programma fra i vari soggetti promotori della candidatura;
- ad aspetti legati alla zonizzazione del territorio (in particolar modo il ruolo della zona di transizione come corridoio ecologico), alla futura gestione del turismo all'interno dell'area candidata, all'integrazione del nuovo piano del Parco Naturale Adamello Brenta all'interno della MaB, all'approfondimento su attività di ricerca.

 

Terza fase: l'integrazione del dossier e la riproposizione della candidatura (settembre 2014)

Vista la validità della candidatura e ritenute risolvibili le richieste di chiarimento avanzate da UNESCO, i soggetti promotori, attraverso una serie di incontri istituzionali avvenuti nel mese di agosto 2014, hanno sottoscritto una Dichiarazione di intenti sulla riproposizione della candidatura del territorio delle Alpi Ledrensi e Judicaria a Riserva della Biosfera, dove è stata espressa l'unanime volontà di proseguire nel processo di candidatura.
Durante questi incontri si sono discusse con i soggetti promotori le integrazioni per il nuovo Dossier di candidatura. Sotto la regia del servizio Sviluppo Sostenibile e Aree Protette della Provincia autonoma di Trento, il gruppo di lavoro ha risposto puntualmente ad ogni richiesta di chiarimento con degli approfondimenti specifici (contenuti in alcuni box evidenziati in giallo all'interno del nuovo dossier).
Il nuovo dossier di candidatura è stato consegnato a Roma al Comitato Tecnico Nazionale MaB per essere trasmesso ad UNESCO il 25 settembre 2014.

 

Workshop "DALLE ALPI ALL'ADRIATICO". Le Riserve della Biosfera UNESCO del Nord Italia per lo sviluppo sostenibile (10 - 11 ottobre 2014)

In occasione della presentazione ufficiale della candidatura tenutasi a Storo il 10 ottobre 2014, i soggetti promotori della candidatura Alpi Ledrensi e Judicaria hanno organizzato un workshop per avviare una serie di costruttivi rapporti con le altre Riserve della Biosfera del Nord Italia e delle Alpi - già riconosciute e candidate - per conoscerne le caratteristiche ed il percorso fin qui svolto, nonché per valutare la possibilità di promuovere insieme i territori, con le rispettive ricchezze, in occasione di un evento di rilevanza mondiale come EXPO Milano 2015. Durante l'evento è stata organizzata a Locca di Ledro una serata di confronto aperta al pubblico per far conoscere alla cittadinanza e ai portatori di interesse le esperienze significative delle Riserve MaB già decollate e per fugare ogni dubbio in merito al presunto conflitto nato con i cacciatori nel 2013. L'evento è stato l'occasione per chiarire che la candidatura in corso non porterà ad ulteriori vincoli sul territorio, ma costituirà invece un'opportunità di sviluppo economico sostenibile, oltre che di maggiore visibilità per il territorio candidato.