Aree protette

Logo stampa
 
Aree protette - foglie
 

Notizie

  • 23.6.2022
    Stelviobus: la mobilità sostenibile in val di Rabbi e val di Peio

    Confermato il sistema di trasporto collettivo a basso impatto, già sperimentato nel Parco negli anni passati e destinato a garantire un’esperienza più gratificante e responsabile ai visitatori del Parco Nazionale dello Stelvio.

     
  • 14.6.2022
    Parco Nazionale dello Stelvio: attenzione verso le comunità locali

    Questa la linea di indirizzo del Comitato di coordinamento del Parco dello Stelvio, riunito il 13 giugno a Bolzano Si è trattato del primo incontro che ha inaugurato ufficialmente la presidenza altoatesina per i prossimi cinque anni.

     
  • 17.5.2022
    Scoperta nel sito Natura 2000 di Talpina l'orchidea stenomediterranea Orchis provincialis

    Eccezionale scoperta botanica nel sito Natura 2000 di Talpina, nel comune di Mori: la rarissima orchidea stenomediterranea Orchis provincialis, che era attualmente nota in Trentino solo a Laghel, sopra Arco. In passato questa specie era nota con sicurezza anche sul monte Brione dove però dal 1996 non è stata più osservata, probabilmente a seguito dell'eccessivo incespugliamento. La presenza di questa rarissima orchidea è la migliore conferma della straordinaria ricchezza del Baldo sotto il profilo naturalistico. 

     
  • 16.5.2022
    Primo incontro del Forum della "Carta Europea per il Turismo Sostenibile"

    Il Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, dopo aver ottenuto nel 2015 la certificazione di adesione alla Carta Europea per il Turismo Sostenibile (CETS), intende rinnovare questa importante esperienza volta ad una migliore gestione delle aree protette per lo sviluppo del turismo attraverso azioni e progetti sostenibili. 

     
  • 14.5.2022
    Prime presentazioni del Piano di controllo del cervo nel Parco dello Stelvio

    Mitigare e ridurre gli squilibri ecologici attualmente causati dai numerosi cervi presenti all’interno dei confini del settore trentino del Parco nazionale dello Stelvio, in un arco di tempo di almeno 5 anni, per ridurre la perdita di biodiversità determinata dalla elevata densità della popolazione animale e lavorare per un migliore equilibrio e coesistenza tra ecosistemi e attività umane. Questo l’obiettivo principale del “Piano di Conservazione e gestione del cervo nel Parco Nazionale dello Stelvio – Trentino 2022-2026”, che la Giunta provinciale ha condiviso con il Parco di avviare e che prevede anche una riduzione della densità del cervo mediante prelievi. 

     
  • 11.4.2022
    "Terra Trentina": uscito il primo numero del 2022

    E' uscito il primo numero del 2022 di "Terra Trentina", il periodico della Provincia che parla di agricoltura, ambiente e turismo in una veste grafica completamente rinnovata. Come di consueto anche la rubrica dedicata alle aree protette.

     

Ambienti aridi

Lavini Marco

Gli ambienti aridi sono aree in cui la vegetazione scarseggia a causa del suolo secco e povero di humus. Il substrato minerale, sia esso roccia o più frequentemente pietre e sassi, caratterizza quindi in maniera preponderante questo ambiente.

L'assenza di una copertura vegetale continua esalta le escursioni termiche: durante il dì la temperatura è spesso molto elevata, i raggi del sole non vengono infatti schermati dalla vegetazione, mentre le notte avviene il fenomeno contrario. L'aridità conseguente alla forte insolazione è poi accentuata dalla mancanza di un reticolo idrico superficiale. L'acqua piovana non viene infatti trattenuta dal terreno, scarso e discontinuo, ma penetra invece in profondità tra le pietre ed i massi.

Gli ambienti rupestri situati a bassa altitudine sono molto interessanti dal punto di vista naturalistico. Anche nei casi di ripide pareti rocciose, vi riescono a crescere varie piante: ciuffi d'erba, cespugli e talvolta anche qualche stentato alberello.

I diversi strati che formano le rocce sedimentarie hanno infatti spesso differenti caratteristiche di resistenza all'azione erosiva degli agenti atmosferici. Da ciò deriva la formazione di nicchie e cavità nelle pareti o addirittura di lunghe balconate, le cosiddette "cenge", che vengono successivamente ad essere colonizzate dalle piante.

Gli animali che frequentano questo ambiente assai particolare, caratterizzato dal prevalere della verticalità, sono in massima parte uccelli. Le pareti rocciose sono infatti delle autentiche "oasi di naturalità", anche quelle prossime ai fondovalle antropizzati.

Poche decine di metri sopra il piano della campagna, delle attività umane rimangono infatti solamente i rumori e gli uccelli rupicoli - e non solo quelli se le falde detritiche e le cenge consentono anche a qualche limitato lembo di bosco di allignare - possono svolgere la loro vita in tutta sicurezza.

 

Piante

Le piante degli ambienti aridi e rupestri si trovano a dover affrontare una serie di "problemi" di sopravvivenza legati alle particolari condizioni dei luoghi di crescita.

Il principale tra questi è rappresentato dalla scarsità di acqua, dovuta essenzialmente alle caratteristiche rocciose o sassose del terreno. Il bilancio idrico è ulteriormente aggravato dall'esposizione al sole, che tende a far evaporare i liquidi interni della pianta. Per contrastare la perdita d'acqua, le piante delle zone aride posseggono di regola vari adattamenti morfologici, quali ad esempio protezioni cerose che limitano la traspirazione e riflettono il sole.

Le foglie sono di regola coriacee, per evitare l'"appassimento" e spesso hanno dimensioni ridotte per limitare la superficie di traspirazione.

 

Invertebrati

Negli ambienti aridi e rupestri vivono molte specie di invertebrati, alcune delle quali presentano un modo di vita particolarmente interessante. Dal momento che questi habitat sono piuttosto rari in Trentino, anche le specie che in esso vivono sono spesso poco comuni, e questo le rende ancor più meritevoli di attenzione.

 

Rettili

Gli ambienti aridi e rupestri sono gli habitat maggiormente utilizzati dai Rettili, in quanto questi animali di regola amano i luoghi caldi ed assolati. La situazione ideale per la maggior parte delle specie è rappresentata da spazi semi-aperti ben esposti al sole, nei quali vi sia un'alternanza di rocce, praticelli e macchie di arbusti.

 
avifauna ambienti aridi

Uccelli

Le specie di uccelli che mostrano uno stretto legame con gli ambienti aridi e rupestri non sono molte, ma sono tutte assai interessanti. Alcune di esse sono anche piuttosto rare in Trentino, in quanto tipiche di ambiti geografici caratterizzati da climi più caldi. Altre sono invece comuni, ma frequentando un'habitat molto particolare posseggono un modo di vita con curiosi comportamenti.

 
Specie vegetali presenti